LED throwies

Graffiti alternativi: non c'è bisogno di imbrattare i muri
Autore: Nils Gabelgaard, Beilstein, Germania
La nuova moda dei piccoli diodi luminosi è nata a New York (USA). Il gruppo di artisti indipendenti "Graffiti Research Lab", autore di questa invenzione, è conosciuto per le sue idee sempre più folli in fatto di "graffiti alternativi". Lo spunto per la loro invenzione è rappresentato dalla severità delle autorità nei confronti degli autori di graffiti e del loro supposto vandalismo. In molti luoghi si lavora già con le cosiddette "vernici anti-graffiti", che impediscono al colore dei graffiti di aderire alle pareti. Il gruppo GRL vuole dimostrare che ci sono anche altri modi per esprimersi creativamente che possono essere meglio accettati dalla società.
Così, a fianco di molte altre invenzioni, è nata anche l'idea dei LED throwies. Grazie ai magneti applicati, i throwies possono essere fissati molto facilmente a qualsiasi oggetto in metallo. I throwies restano illuminati per 1-3 settimane (a seconda della qualità delle pile) e possono poi essere eliminati senza problemi.
I LED throwies sono un'invenzione davvero conveniente costituita da:
  • un LED (10 mm di diametro)
  • una pila al litio (3V CR2032)
  • un disco magnetico al neodimio (diametro 10 mm, altezza 2 mm)
  • ... un po' di nastro adesivo in tela
Posizionate il LED in modo che i terminali del diodo siano collegati ai due poli della pila. Attenzione: collegate il terminale più lungo con il polo positivo della pila ("coperchio") e il terminale più corto con il polo negativo ("base"). Soltanto così il LED si illuminerà correttamente. Successivamente appoggiate il LED e la pila sul nastro adesivo.
Adesso avvolgete insieme la pila e il LED con il nastro adesivo ben teso, facendogli fare alcuni giri. Quindi appoggiate il disco magnetico sul polo positivo della pila e avvolgete di nuovo il tutto con il nastro adesivo ben stretto.
Se lo desiderate, potete costruire altri throwies in diversi colori.
Guardate i LED throwies in azione sul sito web degli autori.
E la stessa idea con alcuni approfondimenti su www.instructables.com.

L'intero contenuto di questa pagina è protetto dal diritto d'autore.
Senza espressa autorizzazione, non è permesso copiarne il contenuto né utilizzarlo in alcun'altra forma.