• Più di 35 milioni di magneti a magazzino

Dimostrazione della temperatura di Curie

Un modo per dimostrare chiaramente la temperatura astratta di Curie
Autore: Niels Gierse, Köln, Germania
Online da: 05.10.2010, Numero visite: 40341
Se un magnete viene riscaldato oltre una certa temperatura perde le sue proprietà magnetiche. Il progetto descritto qui è una semplice variante dell'esperimento sulla temperatura di Curie che si insegna a scuola e all'università (dove di solito viene svolto con temperature molto alte e con il nichel).
Attenzione: l'esperimento descritto porta alla smagnetizzazione del magnete che oscilla sopra alla candela. Inoltre, poiché il rame conduce bene il calore, c'è il rischio di scottarsi!

Materiale necessario:

Spiegazioni e preparazione dell'esperimento:

Il rame è un materiale diamagnetico e quindi poco sensibile all'effetto dei magneti. Prendete un pezzo di filo di rame, fatelo passare attraverso il foro di un anello magnetico e attorcigliate il filo fino a formare un pendolo che appoggia su due blocchi.
Il supporto è realizzato in modo tale che l'anello magnetico penda proprio accanto alla fiamma della candela. Se si avvicina una pila di magneti dello stesso tipo (su un terzo blocco), l'anello magnetico viene sollevato sopra la candela, che lo riscalda. Quando il magnete diventa troppo caldo (temperatura T > temperatura di Curie TC), inizialmente viene attratto dalla pila di magneti solo in modo molto debole e infine non viene più attratto. L'anello magnetico sul filo di rame oscilla quindi indietro, lontano dalla fiamma, raffreddandosi. Il magnete freddo viene attratto nuovamente dalla pila di magneti. Questo lo rende nuovamente magnetico, e il fenomeno si ripete.
Nel video si vede che questo effetto può portare a un movimento a pendolo che resta costante. Si potrebbe considerare un motore molto primitivo (calore -> movimento).

Nota del team di supermagnete:
Attenzione: se esposti a un calore intenso sopra a una fiamma, i magneti possono perdere completamente la loro magnetizzazione. Abbiamo pubblicato una pagina di FAQ su questo argomento: Quanto si possono scaldare i magneti?